Possibili indizi di nuova fisica nei primi risultati di “MUON G-2”: il contributo di CNR – INO